Parmigiano vegan, ma non chiamatelo parmigiano!

parmigiano vegan

Si lo so: il parmigiano vegan non esiste. Si tratta di un capriccio, di una forzatura, di una di quelle cose da fricchettoni vegani che vogliono a tutti i costi riproporre sapori e consistenze della cucina tradizionale in chiave vegetale. Un po’ come la carne finta insomma. Che ci sta a fare un surrogato del parmigiano quando abbiamo quello vero, quello made in Italy, ben stagionato e possibilmente da agricoltura biologica…già che ci sta a fare?

Beh…te lo dico io. Ci sono persone che i latticini non li possono mangiare. Punto. E sì, non andrebbe chiamato parmigiano, così come non si dovrebbe dire “latte di riso”…o marmellata di albicocche. Sono tecnicismi che nel linguaggio parlato si vanno a perdere, abbiamo bisogno di semplificare e di far arrivare direttamente il messaggio. “Parmigiano vegan” perché nella forma ricorda il formaggio grattugiato (e per la cronaca: grattugiato deriva da grattugiare: non voglio grattugiarli a nessuno, ma ci vuole una g sola. Grattuggiato non si può vedere!), l’odore è abbastanza simile e, guarda un po’, l’apporto di calcio è forse maggiore. Una bomba insomma!

parmigiano vegan

E noi per capirci lo continueremo a chiamare parmigiano, chiudendo un occhio sulla terminologia e lasciando al gesto quotidiano la sua enfasi: la spolveratina di formaggio sopra a un buon piatto di pasta. Ora si può mangiare! Inconsapevolmente mi rendo conto di aver creato una sorta di rituale con le mie figlie…e nei momenti in cui la più grande non può mangiare molti formaggi questa soluzione è una manna dal cielo. Anzi, a volte è proprio lei che mi chiede il parmigiano vegano…posso non accontentarla? 🙂

In più è semplicissimo da realizzare: vi serviranno un cutter, delle mandorle e/o degli anacardi, lievito alimentare, un pizzico di aglio essiccato e del sale. Stop. Niente altro.

parmigiano vegan

Un pizzico di sapore in più con il parmigiano vegan

Questo parmigiano vegan è dedicato a chi ha fatto una sua scelta alimentare, a tutti coloro che non possono più mangiare latticini, a chi vuole diminuirne l’apporto ed a chi, semplicemente, vuole provare qualcosa di diverso. Darà un tocco in più ai vostri piatti di pasta, alle minestre e alle torte salate. Non è adatto invece per quelle preparazioni che richiedano un formaggio che fonda con il calore…ma non importa. Provalo sulla pizza, poi fammi sapere! 😉

Prova anche ad aggiungerlo a un pesto, come quello di foglie di ravanello

parmigiano vegan

5.0 from 1 reviews
Parmigiano vegan
 
Tempo di prep.
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Un'idea alternativa al classico formaggio grattugiato. Perfetto per chi segue una dieta priva di derivati del latte
Autore:
Tipo di ricetta: formaggio vegan
Cucina: vegan
Quello che serve:
  • ½ cup di anacardi
  • ½ cup di mandorle
  • 3 cucchiai di lievito alimentare in scaglie
  • ½ cucchiaino di sale
  • 1 puntina di cucchiaio di aglio in polvere
Preparazione:
  1. Mettere tutti gli ingredienti in un cutter e frullare fino ad ottenere una consistenza simile a quella del formaggio grattugiato.

 

2 Risposte a “Parmigiano vegan, ma non chiamatelo parmigiano!”

  1. hahahahah meno male non sono l’unica che salta sulla sedia quando legge parmiGGiano grattuGGiato!!!! ;))))

    1. Ahaha!!! No, non ti preoccupare, salto pure io!!! 😀 😀

Lascia un commento

Vota questa ricetta: