verdure ai bambini: 10 consigli utili

verdure ai bambini

Come far mangiare le verdure ai bambini? Una domanda che affligge spesso i genitori e che non ha una un’unica risposta. Una missione impossibile? Direi di no! Riflettiamoci un attimo: se le verdure fossero così odiate dai bambini… i figli dei vegetariani morirebbero di fame?

Cominciamo subito con il ricordare che ogni bambino è una personcina a sé, con le sue idee e con i suoi gusti: che ovviamente devono essere rispettati. Compito del genitore è quello di insegnare al bambino a sperimentare nuovi sapori, insegnare che non tutte le cose sono uguali e che le verdure non sono un terribile nemico da combattere. Ci vuole calma, ci vuole pazienza, a volte ci vuole pure un po’ di fermezza: ma è tutto incluso nel pacchetto “genitore”, non credete?

verdure ai bambini
fonte foto: http://www.fns.usda.gov/ffvp

10 consigli utili per far mangiare le verdure ai bambini

1. Il problema non esiste

Non facciamoci angosciare da problemi che in realtà non esistono. Una mamma (o un papà) in cuor suo sa sempre cosa fare. Se un bambino non mangia verdura può essere una situazione momentanea, una fase di ribellione, ma non è mai un problema. Evitiamo etichette negative e cerchiamo di pensare alla situazione in modo positivo e propositivo.

2. Dare il buon esempio

Pensare di far mangiare le verdure ai bambini e non farlo noi per primi…è un autogol, non credete? I bambini vanno per imitazione…riflettiamo sul nostro comportamento come genitori prima di dar battaglia ai nostri figli!

3. No alle imposizioni

Imponendo qualcosa ad un bambino è facile ottenere l’effetto opposto. Non ha senso imporre ad un bambino di finire per forza tutto quello che ha nel piatto: spesso questo comportamento è il risultato di paure ataviche dei genitori, ma tranquilli, nessuno morirà di fame! La soluzione sta nel mettere in tavola le giuste porzioni e stop: no a bis o tris…si mangia quello che passa il convento. Liberissimi i bambini di lasciare nel piatto quello che non gli piace…se la fame si fa sentire, potranno mangiare quello che hanno lasciato. Se sono le verdure, tanto meglio!

4. Premiamo i successi:

La gratificazione per un bambino è fondamentale. Piuttosto che evidenziare gli insuccessi, esaltiamo i successi: anche un piccolo assaggio è un passo avanti, quindi elogiamo il bambino anche per un solo assaggio di verdura.

5. Coinvolgere i bambini nella preparazione dei piatti

Lo sapete che se un bambino prepara un minestrone con le sue mani è molto più propenso a mangiarlo? Questo perché lo gratifica, lo fa sentire grande e mangiare qualcosa che si è fatto con le proprie mani dà molta più soddisfazione. Coinvolgiamo i nostri piccoli chef nelle più svariate preparazioni a base di frutta e verdura: saranno entusiasti di aiutarci e saranno molto più propensi ad assaggiare il prodotto del loro lavoro! E possiamo iniziare anche con i bambini molto piccoli: già intorno ai 18 mesi-2 anni possiamo cominciare a farli giocare con insalate e verdure lesse…e far mangiare le verdure ai bambini sarà molto più semplice!

6. Inventare delle storie e leggere dei racconti a tema

Il cibo è un tema che colpisce i bambini fin dalla più tenera età. Alle mie figlie racconto del cestino di Cappuccetto Rosso che è pieno di verdure (e le vario a seconda di quale è la verdura odiata del momento, ma associata a cose di cui vanno pazze 😉 ); poi c’è la mela di Biancaneve e bocconcini di verdura possono trasformarsi facilmente nelle briciole di Pollicino. Ci sono bellissimi racconti che trattano i temi più svariati, ma che passano dal cibo: sfruttateli per entrambe le cose! E poi ci sono storie che possiamo inventare noi: raccontare della propria infanzia legata ad un particolare alimento, o semplicemente dire a cosa potrebbe far bene quella determinata verdura (“lo sai che mangiare gli spinaci fa diventare fortissimi?” “Ma sai che se mangi il cavolo ti cresce il seno?”) e qui ci potete giocare finché i vostri figli non saranno quasi adolescenti: ma a quel punto potrete informarli sulle proprietà benefiche degli alimenti! Lo sapete che questo stratagemma lo utilizza anche Ramsay con i suoi figli? 😉

7. Piatto ricco…mi ci ficco!

Un piatto ricco da un punto di vista anche estetico: colorato, divertente, con porzioni a misura di bambino; se vogliamo far mangiare le verdure ai bambini sfruttiamo i colori del mondo vegetale e azzardiamo accostamenti particolari come l’uvetta con gli spinaci, mela e altra frutta nelle insalate…ai bambini piacerà molto l’idea!

8. I dettagli che fanno il successo

zuppa di fave fresche con asparagi e carciofiVostro figlio odia il minestrone? Forse preferisce il passato di verdura…magari con una spolveratina di parmigiano e con dei deliziosi crostini (fatti in casa: ci vuole pochissimo e sono più salutari!). E il passaggio da un passato di verdura ad una crema di spinaci, asparagi, carciofi è breve. Odia le verdure saltate? Avete provato a proporgliele con del parmigiano grattugiato sopra? Magari vostro figlio è un artista…provate a comporre insieme a lui delle composizioni sul piatto (faccine sorridenti, pesciolini…) Insomma liberate la fantasia e trovate il tallone di Achille del vostro bambino!

9. Nascondere o non nascondere? Questo è il problema!

torta pasqualina veganTeoricamente sarebbe preferibile non nascondere le verdure ai bambini: questo perché è importante educarli al gusto ed alla consapevolezza e tutto questo non può avvenire senza sapere cosa stiamo mangiando. Eppure…in una certa misura trovo l’arte del nascondere una buona strategia. Creme di verdure, torte salate vegetariane, salse per la pasta, pesti improbabili, frittelle di verdure…sono tutti espedienti che riescono a far mangiare con gusto le verdure ai bambini. Il consiglio è però quello di accompagnare a questi piatti anche porzioni di verdura riconoscibile, magari apprezzata dal bambino: in questo modo il ricordo sarà piacevole e sarà più facile un domani spiegargli che quel piatto di pasta verde tanto buono è preparato con la rucola! 😉

Infine l’ultimo consiglio, forse quello più importante:

10. Parola d’ordine: serenità!

Non stiamo combattendo una battaglia e far mangiare verdure ai bambini non è una guerra! Dobbiamo essere sereni e convinti di quello che facciamo. Ogni esitazione verrà percepita dal bambino e si manifesterà proprio in quell’area dello sviluppo in cui dimostriamo di avere più preoccupazioni. Rilassiamoci e pensiamo che stiamo facendo del nostro meglio e che, come per tutte le cose, ci vuole un po’ di tempo prima di vedere i risultati.

E tu? Hai altri consigli o suggerimenti da proporre? C’è qualcosa che proprio non faresti? Lasciami un commento con le tue impressioni. Se il post ti è piaciuto condividilo sui Social Network: mi trovi anche su Twitter e Google +!

2 Risposte a “verdure ai bambini: 10 consigli utili”

  1. dieci consigli sacrosanti nei quali mi riconosco. Credo che ti linkerò al più presto 😉 ! Ciao!

    1. gestionesoffritti dice: Rispondi

      Grazie mille Catia! Mi fa piacere che la pensiamo allo stesso modo! 🙂

Lascia un commento